Home Sommario Mappa del sito Commenti

  

Lady Swanshine
Su Lady Swanshine Radar e scala Laboratorio mobile Treno materiali Gru semovente Mezzo multiservizio Vettore Centro trasmissioni Veicolo da traino

 

un giorno mia moglie mi chiese di realizzare un'astronave "da donna". Nel senso che vedendola, chinque avrebbe pensato che fosse adatta ad una donna. Io le chiesi come secondo lei avrebbe dovuto essere un'astronave da donna. Lei mi rispose con tre semplici parole: elegante, snella, ordinata.

Durante una passeggiata in riva al fiume Ticino, dove siamo soliti andare a passeggiare, un cigno in volo mi diede l'idea per le prime due richieste. Per la terza richiesta non sapevo cosa inventarmi. Poi mi venne l'idea di realizzare una cabina di pilotaggio molto ordinata, con ogni cosa al suo posto e un posto per ogni cosa. Pensai ad un pilota donna che non vuole che il casco le rovini la permanente. Quindi con molte revisioni e rivisitazioni, realizzai la Lady Swanshine, che a me ricorda un cigno in volo.

Dalle linee che ricordano il Classic Space, ma completamente bianco, ha una fusoliera molto snella e allungata, con delle ali molto ampie e volte verso la poppa; gli stabilizzatori di atterraggio hanno la forma di tre zampe.

La cabina molto ampia e con una dotazione di strumenti particolarmente ricca. Lo spazio interno stato progettato per sfruttare al massimo la lunghezza del vetro, in trans light blue. Il casco, la pistola laser e le bombole per l'ossigeno hanno ognuno un punto di aggancio preciso.

Per completare il quadro generale dell'astronave al femminile, il sedile rosa, che fa pendant con il casco e l'uniforme.

 

Per la serie "Sono bella, intelligente e pure cattiva... E non mi riferisco solo alla mia astronave!" Girl power a gogo.

 


Home ] Su ] [ Lady Swanshine ] Radar e scala ] Laboratorio mobile ] Treno materiali ] Gru semovente ] Mezzo multiservizio ] Vettore ] Centro trasmissioni ] Veicolo da traino ]

Inviare a c.ruggeri@malpensa.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. Copyright 2005 Cristiano Ruggeri