Home Commenti Sommario Mappa del sito
  

Fermodellismo
Su Cristiano Nadia LegoMania Fermodellismo Navimodellismo HI FI Reportage Varie INFO

 

Rotabile ferroviario
Rotabile gomma
Macchine cantiere
Diorama
Edifici
Automazione

Ferromodellismo

Una antica passione, che dall'età di 8 anni, nel lontano 1978, anno in cui avevo ricevuto il mio primo ed unico "starter set" della LIMA, era rimasta latente, in attesa di tempi migliori.

All'epoca, i regali più gettonati dai bambini erano

  • Il Big Jim, muscolosissimo bambolotto snodato pieno di accessori, il quale vestiva il ruolo di una specie di eroe amico alla portata di tutti (quasi!!! costavano tantissimo), che è sparito da anni.
  • Le costruzioni, che sono sopravvissute sino ai giorni nostri ed alle quali ho dedicato una vasta sezione del sito.
  • Le automobili  o motociclette o locomotive filo-comandate (con lo sterzo comandato da un piccolo volante che azionava un cavetto di acciaio, il quale correva parallelamente all'alimentazione del motore, avanti e indietro) o autonome, in grado di cambiare direzione quando urtavano un ostacolo. Di giocattoli radiocomandati, nel 1978, a parte una macchinina RE-EL con un unico pulsante che faceva girare una volta a destra e una volta a sinistra, non ne ricordo.
  • Il meccano, che ancora oggi è conosciuto.
  • I trenini ma solo per pochi fortunati, in quanto erano sicuramente i più costosi.

Di tutto quanto sopra, non ho mai smesso di comprare costruzioni, anche se poi mi sono limitato a quelle technic (seppur con una breve parentesi per la serie spazio).

Mentre solo da quattro anni ho ripreso con il ferromodellismo, soprattutto grazie ad una collana a fascicoli, che ha risvegliato "il sopito ricordo".

Ora, per quanto il tempo libero a mia disposizione non sia molto, appena posso mi ci dedico, ed alcune cose carine già le ho, per quanto mi occorrano almeno ancora tre anni, prima di avere un circuito su cui far girare del rotabile.

Quindi passerà ancora un po' di tempo prima di poter "giocare".

Pensate che matto: a 40 anni inizierò a giocare ancora con i trenini... Ma di matti per il ferromodellismo ce n'è veramente tanti.

Quanto alla scala scelta: il primo trenino era in scala  H0 (leggasi acca-zero, pari a 1:87); la collana a fascicoli era in scala H0, quindi ho continuato con questa scala, che comunque è la più giocabile. 

Quindi, proprio per il fatto che il lavoro continua, forse questa sezione del sito non sarà mai terminata...

Ma perché il ferromodellismo? 
Perché per me è il giusto compromesso tra passatempo impegnativo e attività ludica. 
I trenini statici sono belli da guardare, ma non ci puoi giocare.
Le navi statiche come quella del mio babbo (a cui ho dedicato vasto spazio al link HMS Victory), le auto statiche e tutti gli "statici" in genere sono degli oggetti stupendi e sensazionali, ma una volta terminati, il gioco è finito!
Invece a me piace "giocare" con l'oggetto che ho costruito, anche con il rischio di romperlo o rovinarlo, per il gusto di ripristinarlo poi... E ci rimetto in termini di dettagli, ma non importa. 


Home ] Cristiano ] Nadia ] LegoMania ] [ Fermodellismo ] Navimodellismo ] HI FI ] Reportage ] Varie ] INFO ]

Inviare a c.ruggeri@malpensa.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. Copyright © 2005 Cristiano Ruggeri